Fuori la crisi

In questo breve romanzo si possono ritrovare alcuni elementi che caratterizzano altre opere dell’autore, ma la storia e gli accadimenti rispecchiano per certi versi la realtà ed i problemi dei nostri giorni.

Fuori la crisi

È la sesta pubblicazione di Antonio e si presenta tre anni dopo “Il sentiero verso Sabur”. In questo breve romanzo si possono ritrovare alcuni elementi che caratterizzano altre opere dell’autore, ma la storia e gli accadimenti rispecchiano per certi versi la realtà ed i problemi dei nostri giorni. Antonio attraverso una vicenda ai limiti tra la fiaba e la realtà, cerca di dare una chiave di lettura non solo alla crisi economica e sociale che sta attraversando la nostra nazione ed il mondo occidentale, ma si approfondisce nelle problematiche che in verità coinvolgono l’essere umano nel suo cammino quotidiano. La crisi economica è anche occasione per affrontare le crisi interiori che ci accompagnano nel percorso di vita. Il mondo esteriore viene presentato alla rovescia, proprio perché la soluzione stà nel “capovolgere”, nell’osservare in modo diverso e trovare soluzioni non fuori, ma dentro di noi. In questo caso, Oiram, il personaggio principale diviene mezzo e responsabile di questo cambiamento, o meglio mostra la strada. Agli esseri umani, a tutti noi la responsabilità d’intraprendere questo cammino, il nostro percorso.

Scheda del libro

La nazione vive un profondo periodo di crisi economica, sociale e politica. La classe al potere, in grande difficoltà, decide di affidare la guida ad un uomo non più giovane, ma amato dalla gente, sperando in questo modo di procrastinare le riforme e mantenere i propri privilegi. Egli, invece, si dimostra rivoluzionario e con abile saggezza porta ad un veloce e sostanziale cambiamento. Le sue riforme sono fuori dal comune, superano la logica e le aspettative dei politici e questi, resisi conto che la situazione sta mutando, provano a sbarragli la strada. Ma egli non è un essere comune e, grazie alla forza ed al silenzio che la Montagna gli ha donato, apre le porte al cambiamento sociale. Alla gente, a tutti noi, la responsabilità di proseguire su questa strada.

Come è nato

L’idea è sorta anni fa quando un giorno, non ricordo in quale occasione, sul mio Moleskine ho appuntato l’ipotesi di scrivere un racconto in cui venivano tassate le parole. Nel dicembre 2012 ho ripercorso le pagine dell’agenda e questo spunto è maturato divenendo occasione per scrivere un romanzo. La bozza, scritta rigorosamente a mano, è nata di getto tra il giorno di Natale, 25 dicembre 2012, e l’Epifania, 6 Gennaio 2013. In un periodo in cui ero molto sotto pressione per il lavoro ho colto ogni occasione per non lasciar cadere la forza ispiratrice e soprattutto per non perdere la possibilità di usufruire di quei giorni propizi. Nel tempo dopo ho riportato il tutto su computer ed ho lasciato sedimentare la storia, per poi riprenderla più tardi e sistemarla. Nel gennaio 2014 l’ho poi proposta a varie case editrici scegliendo alla fine Edizioni Creative di Viareggio.

In confidenza

In questo breve romanzo si concentrano e sviluppano molti contenuti che già ho approcciato in altre opere. È una storia uscita di getto, fortemente ispirata e raccontata alla mia persona in giorni da sempre ritenuti magici e propizi: si tratta dei giorni che accompagnano le vacanze di Natale, ossia dal giorno dedicato alla nascita del Salvatore, il 25 Dicembre, all’arrivo dei Magi, il 6 di Gennaio. Da sempre nelle antiche tradizioni erano ritenuti giorni fortemente propizi per porre in essere qualcosa d’importante, per mettere le basi e le idee per qualcosa che si vuole abbia successo. Questa ovviamente la mia speranza, o meglio, che riscontri apprezzamento e che susciti riflessioni importanti nei lettori. Si capisce che rappresenta per me un romanzo importante, vuole essere una tappa sostanziale, che mi possa far comprendere cosa possa rappresentare per me la scrittura nel presente e nel futuro.
Altro aspetto intimo e sentito è la dedica ad un amico, fratello e forse qualcosa in più che purtroppo la vita si è portato via. In questi anni ho sentito riempirsi il vuoto della sua assenza fisica con una forte presenza nel mio cuore, e questa è la magia della vita stessa.

Alcune recensioni e interviste

Studio inNatura

Lo studio Innatura è l'unione e collaborazione di due professionisti e di alcuni collaboratori che si occupano di salute e benessere.

Scopri lo studio
Medicina naturale

Medicina naturale

Esiste una sola Medicina che comprende tutto il vasto panorama delle cure e degli approcci.

Scopri
Il progetto

Il progetto

InNatura è un luogo, uno spazio, un percorso che mette al centro l’essere umano immerso nel suo ruolo responsabile verso se stesso ed in cammino su Madre Terra.

Scopri
La via del cerchio

La via del cerchio

Scopri di più sull'antica tradizione “nativa e tribale” che ha come luogo e modalità di dialogo il riunirsi in cerchio.

Scopri
quote

Spiritualità è vivere in modo naturale.

Hazrat Inayat Khan

© 2020 Antonio Sisana - Via Milano, 20 - Bormio (SO) | P.IVA 00688790146 | CF SSNNTN71L26B049A | Privacy Policy

Credits ueppy