Discipline bio-naturali

Tempo del Toro (Aprile/Maggio)

Autore

Antonio Sisana

La connessione con la Natura e la Terra

TORO (aprile/maggio) LA CONNESSIONE CON LA NATURA
Abbondanza, nutrimento e sensualità al servizio della vita

Il Toro è un segno fisso, femminile e di terra e rappresenta il centro della primavera, la sua pienezza. Esso esprime decisa concretezza, materialità, sensualità e dedizione per il lavoro, la propria opera, la propria vita. E’ un moto di radicamento nella vita stessa, nella materialità di Madre Terra che ne rappresenta la sua più grande maestra con la Natura in generale.
La forza veemente e impetuosa di Ariete, emersa nel mese precedente, qui trova terreno operoso, calma, semplicità in cui attecchire e cominciare a radicarsi, dare stabilità e resistenza. E’ un moto verso la stabilità e la creatività nella materia, nella ciclicità dei tempi naturali. Si ha quindi un’energia di crescita lenta e progressiva, nutrimento generoso ed abbondante, pazienza e perseveranza, abbondanza di vita ed espansione continua.

LA QUALITA’ DEL TEMPO
Con Toro siamo in un segno di terra ove ha domicilio Venere, archetipo di amore, armonia e bellezza che si esprime nei miti come la Dea Madre, Iside, Inanna, Ishtar, e si mostra nella sua componente più materiale, legata ai sensi, alla sensualità, alla concretezza, al godere la vita; inoltre si esalta la Luna pianeta della sensitività, femminilità legata alla madre, fecondità e ciclicità che con l’elemento terra spinge verso la Natura, la crescita, il radicamento. Marte, invece, è l’archetipo in esilio, quindi manca la sua veemenza, la fretta, la competitività come pure la caduta di Mercurio allontana la razionalità, la logica ed il pensiero. Un periodo quindi molto concreto, radicato nella terra, volto a crescere, esprimere in opera, con lentezza, ma costanza ed inesorabilità.
In questo tempo siamo quindi stimolati ad operare verso una certa espansione e crescita calma, ponderata, stabile, costante, che fa dell’amore e fiducia nella vita, nella gioia di essere, nella semplicità i propri cardini. Siamo nel pieno centro dell’esistenza materiale.
Abbiamo la possibilità di far crescere e nutrire ciò che abbiamo avviato in Ariete; qui si è radicato e c’è disponibilità di nutrimento, abbondanza, ottimismo sia interiore che esteriore se siamo in sintonia con l’energia del Toro.
In questo tempo siamo aiutati a prendere piena connessione con Madre Terra, la Natura, e fare esperienza sensuale e sensitiva della ciclicità del vivere. Siamo stimolati all’assaporare, a radicarci, a riflettere e ponderare, ad espanderci con calma e progressione. Non è più tempo di cambiamento, ma di rafforzare ed espandere quanto intrapreso prima.
E’ un cammino che necessita attenzione ed equilibrio per non rischiare di crogiolarsi nei piaceri terreni o rimanere invischiati in attaccamento, testardaggine, eccessiva ricerca di sicurezza, e nemmeno farsi prendere dalla fretta. La forza del Toro può trasformarsi in ristagno, permalosità, gelosia, sensualità eccessiva, distacco, avidità, addirittura ingordigia.

Il tempo del Toro è collegato al laringe, faringe, corde vocali che potrebbero avere problemi in questo periodo, al collo in generale e quindi alla cervicale che potrebbe bloccarsi ed indurirsi, alle prime vie digestive ed ai processi metabolici in generale. E’ quindi importante non sovraffaticare il metabolismo e la digestione, cercare di tenere al caldo ed al riparo dai facili cambi di temperatura le prime vie respiratorie, la voce, il collo, ed aiutare anche il sistema linfatico a drenare, ad eliminare tossine e rimasugli invernali.
Viene ad essere stimolata anche l’energia sessuale, quindi ottimo periodo per rafforzare ed approfondire legami amorosi, per sperimentare la sensualità e la forza del rapporto con il partner, e per dare vita a tutto quanto diviene espressione creativa concreta.
Occorre anche darsi del tempo, dedicarsi dello spazio per momenti di silenzio, tranquillità, riflessione, camminare nella Natura, avvicinarsi ed ascoltare gli esseri vegetali che si stanno aprendo e crescendo verso il cielo. E’ un buon periodo per entrare in vibrazione con gli esseri elementali, con il moto lunare, con la ciclicità interiore.
Importante è non lasciarsi sopraffare dalle gioie materiali, dal sensualismo e dai piaceri della tavola perché ciò che viene ad essere prioritario è il dare forza e costanza creativa al cammino, non il fermarsi a godere creando ristagno.
Si possono incontrare ancora problemi di depressione, attacchi di panico, risveglio di antiche o nuove nevrosi, se non siamo in sintonia con il nostro cammino. Il sistema nervoso è ancora vulnerabile, soprattutto se in Ariete non abbiamo saputo essere chiari ed iniziare un nuovo ciclo.

In Toro è sempre bene sfruttare la luna calante per drenare, purificare, aiutare il corpo nel processo di eliminazione e detossificazione, magari con un digiuno leggero, non esagerando, con erbe o alimenti drenanti, ricchi di liquidi, con capacità purificatrici, utilizzando tisane e acqua alcalina, ionizzata. Molto interessante anche usare attività come i percorsi vascolari, la sauna, il bagno di vapore e tecniche come la idrocolonterapia o i clisteri.
Nel tempo di luna crescente è importante porre in essere attività fisiche, camminate, passeggiate in montagna, uscite in bicicletta, e dal punto di vista integrativo iniziare e portare avanti supplementi vitaminici se ne abbiamo bisogno. Importanti pure i probiotici, l’introduzione di batteri effettivi che stimolano il metabolismo e il riequilibrio della flora batterica intestinale.

Dal punto di vista alimentare è bene bere acqua e bevande alcaline, magari spingere un poco con alimenti nutrienti, preferire avena e orzo, tarassaco, cicoria, spinaci, crescione, asparagi, lenticchie e limitare bevande nervine, formaggi e latticini in genere, troppe proteine animali.
E’ un buon tempo per godere della Natura, della vita e dei suoi frutti, dedicarsi alla coltivazione, all’orto, alla conoscenza di flora e fauna.
Come indicazioni nello stile di vita è importante mantenere una buona attività fisica, soprattutto aerobica, non troppo intensa, di uscire all’aria aperta.

Se stiamo compiendo un percorso di autoconsapevolezza e di maggiore integrità nel tempo del Toro le nostre pratiche trovano costanza, dedizione, pazienza e quindi bene perfezionarle, migliorarle, renderle semplici e pratiche. Inoltre si ha una maggiore carica magnetica, sensitività e sensibilità che va rapportata e supportata nel concreto della vita di tutti i giorni.

Quanto scritto non vuole e non deve sostituire la diagnosi e il consiglio del proprio medico curante, ma ha solo carattere divulgativo e fa riferimento ad una lunga ed approfondita bibliografia che ogni lettore può ritrovare in commercio e nelle biblioteche.

Articoli correlati

TEMPO DI PASQUA E DI RESURREZIONE Fisioterapia - Osteopatia

TEMPO DI PASQUA E DI RESURREZIONE

Tanti auguri da InNatura

Scopri di più
Ed è di nuovo PRIMAVERA Scrittura

Ed è di nuovo PRIMAVERA

appena dopo le 4 del mattino del 20 Marzo 2024 si entra in questa stagione

Scopri di più

Studio inNatura

Lo studio Innatura è l'unione e collaborazione di tre professionisti e di alcuni collaboratori che si occupano di salute e benessere.

Scopri lo studio
Medicina naturale

Medicina naturale

Esiste una sola Medicina che comprende tutto il vasto panorama delle cure e degli approcci.

Scopri
Il progetto

Il progetto

InNatura è un luogo, uno spazio, un percorso che mette al centro l’essere umano immerso nel suo ruolo responsabile verso se stesso ed in cammino su Madre Terra.

Scopri
La via del cerchio

La via del cerchio

Scopri di più sull'antica tradizione “nativa e tribale” che ha come luogo e modalità di dialogo il riunirsi in cerchio.

Scopri
quote

Spiritualità è vivere in modo naturale.

Hazrat Inayat Khan

© 2020 Antonio Sisana - Via Milano, 20 - Bormio (SO) | P.IVA 00688790146 | CF SSNNTN71L26B049A | |

Credits ueppy