Home > Scrittura e libri > Il sentiero verso Sabûr


Il sentiero verso Sabûr

(Pilgrim Editore 2011)

Euro 13

E’ il quinto ed in ordine cronologico l’ultima opera edita da Antonio, seconda con la casa editrice Pilgrim di Aulla, dopo la partecipazione in “Verso l’Alto” con due racconti nel 2010. Tale romanzo è frutto di un percorso di scrittura nato diversi anni prima in bozza e via via rivista e “risintonizzata” secondo il percorso di crescita personale e di condivisione nella natura. Anche in quest’opera Antonio pone l’attenzione all’essere umano ed ai suoi processi interiori, oltre che iambientare la vicenda nei boschi dell’Alta Valtellina, in sintonia con la vita naturale, con lo sciogliersi dei tempi delle stagioni. La casa editrice Pilgrim ha inserito tale opera nella collana dei testi a carattere “iniziatico” confermando ancora di più che il percorso di scrittura di Antonio si stia sviluppando ed approfondendo sempre di più.

SCHEDA DEL LIBRO
Un evento traumatico sconvolge la vita di un giovane ragazzo, di famiglia benestante e ricco di talento artistico. Julien si ritrova solo, perso, sovrastato dagli eventi e dalle circostanze. Ma reagisce trovando e provando disperatamente qualsiasi risorsa che dentro e fuori di se la vita gli presenta. Si ritrova a scegliere una vita lontano da quella che gli altri vorrebbero, una vita che lui matura e sente essere l’unica possibilità di ritrovarsi: in mezzo al bosco, solitario, a contatto simbiotico con la natura e la sua arte. Il bosco dell’Alta Valtellina, appena sopra l’abitato di Oga.
Una giovane donna di Como si trova impantanata nelle sabbie di una profonda crisi depressiva che lentamente l’ha alienata alla vita. Ambra non riesce a risalire neanche con l’aiuto della scienza medica e del supporto di tutte le persone che ha vicino. Sembra non avere più nessuna possibilità e voglia di risalire la china. L’incontro fortuito con un giovane in mezzo al bosco provoca in lei una piccola scossa capace di farle compiere un primo passo, preludio di molti altri verso il ritrovare la propria integrità, riscoprire chi è.
Il vivere ancora legati alla natura ed ai suoi ritmi, nel bosco e nel piccolo borgo di Oga, il non abbandonare la vita moderna, ma saper cogliere da lei quanto serve e quanto è utile, l’amicizia e l’amore per la vita riescono a cambiare la vita di Ambra e di Julien e portano alla scoperta di Sabûr, vero protagonista della vicenda.
Il mondo lontano, quello “dell’asfalto e del cemento”, però, manda i suoi richiami e per entrambi la vita ritrova il suo equilibrio, quel vivere radicati in ciò che siamo rispondendo a quanto il sentiero ci presenta sul cammino.

COME E’ NATO
Questo libro è nato diversi anni fa, tanto che Antonio fatica oggi a ricordare come e quando, ma di certo si è intessuto lentamente seguendo quanto giornalmente l’ispirazione creava. Ne è nata una bozza che anno dopo anno, con il crescere dell’esperienza di vita e di scrittura, di è ampliata, sgrezzata, resa più consona ad un romanzo. In questi ultimi anni sono state diverse le occasioni in cui tale manoscritto è stato approvato da varie case editrici, ma alla fine Antonio si è sentito pronto a pubblicarlo solo quest’anno dando fiducia alla piccola casa editrice di Aulla, la Pilgrim. In questi anni i personaggi hanno preso vita, hanno saputo sussurrare ed esprimere la propria personalità, la propria voce, fondendosi, ovviamente, con l’esperienza in prima persona dell’autore.

IN CONFIDENZA
Si tratta di uno scritto che mi ha accompagnato in questi ultimi anni. Una presenza costante, ma delicata, fatta di periodica rilettura, revisione, cambiamenti. Un lavoro costante, ma non pressante, come se i personaggi, ed in particolare Sabûr, avessero preso forma reale, presenza famigliare. Questo libro è inoltre un condensato delle mie esperienze di vita, passate e presenti: momenti difficili, incontri, cambiamenti, percorsi che hanno trovato reale presenza nella mia esistenza. Nel romanzo trovano condensazione nelle vicende e negli stati d’animo dei personaggi, nel bosco che ospita la vicenda, nel filo conduttore che lega il tutto. Forse questo romanzo rappresenta lo scritto più vicino alla mia biografia, anche se sublimata, resa fantastica. I personaggi sono il confluire di persone incontrate assieme a figure entrate dalla porta dell’ispirazione. Entrambe hanno preso dimora nel mio cuore e si sono espresse tra le pagine del libro.

 ALCUNE RECENSIONI
- Su SpazioFatato
- Su Scrittori Sommersi